Iscriviti alla newsletter di FioriBlu!
Riceverai ogni mese le novità su bellezza, cura del corpo, sesso, maternità e molto altro.

 
Seleziona il tuo sesso:    
Confermo di aver preso visione dell' informativa della privacy
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali

Glaucoma

Glaucoma
Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico e che è dovuta ad un’eccessiva pressione all’interno dell’occhio.

Se la malattia non viene curata tempestivamente il nervo si danneggia progressivamente, fino alla completa cecità.Si manifesta prevalentemente in età adulta (dopo i 40 anni) ed è la seconda causa di cecità (dopo la cataratta).
Il nervo ottico, infatti, è l’organo che si occupa di trasmettere l’immagine dalla retina al cervello.

L’aumento della pressione, danneggiando il nervo ottico, impedisce la normale funzione di “trasmettitore” e l’area dell’immagine percepita si riduce gradualmente con l’avanzare della malattia.
Il termine “Glaucoma” deriva dal greco “glaucos”, che significa “grigio-azzurro”; è infatti questo il colore dell’occhio nella fase terminale della malattia.


Le cause del glaucoma
Non è ancora del tutto chiaro quale sia la causa scatenante del glaucoma. Sono stati però rilevati alcuni fattori che contribuirebbero ad aumentare il rischio di contrarre questa malattia:
- Pressione oculare troppo elevata: è il fattore primario da cui deriva il glaucoma. Normalmente la pressione intraoculare, che misura la resistenza che si oppone alla deformazione del bulbo, dovrebbe essere contenuta entro i 10-21 mmHg. Se la pressione supera i 25 mmHg, il rischio di glaucoma aumenta notevolmente.
La pressione oculare è mantenuta ad un livello costante da meccanismi di filtraggio e assorbimento del liquido (umore acqueo) che si trova nell’occhio. Può però accadere che il liquido si accumuli eccessivamente senza possibilità di defluire: la pressione oculare, di conseguenza, sale.
- Età: come tutte le altre parti del corpo, con il passare del tempo l’occhio comincia a indebolirsi. Superati i 40 anni, quindi, il rischio di glaucoma tende a salire.
- Ereditarietà: se in famiglia uno o più persone sono già state affette da glaucoma, le possibilità di esserne affetti aumentano molto.
- Affezioni oculari: possono danneggiare il nervo ottico e ostruire i condotti dove scorre l’umore acqueo.


Forme di glaucoma
Ci sono due forme principali di glaucoma:
- Glaucoma primario ad angolo aperto: è il tipo più diffuso di glaucoma. Si manifesta attraverso il restringimento eccessivo dei condotti che devono far defluire l’umore acqueo. È una malattia che compare soprattutto in età adulta, in particolare dopo i 65 anni.
- Glaucoma acuto ad angolo chiuso: in questo caso è l’iride che blocca il passaggio e il deflusso di umore acqueo, acutizzando la pressione oculare. Si tratta di una malattia ereditaria, ma il rischio aumenta con l’invecchiamento.
- Glaucoma congenito: questo tipo di glaucoma presenta una malformazione congenita dell’impianto di drenaggio dell’umore acqueo.


Sintomi del glaucoma
Il glaucoma primario ad angolo aperto è praticamente asintomatico; per questo motivo il paziente si rende conto della malattia quando essa è ad uno stadio già molto avanzato.
Il glaucoma acuto ad angolo chiuso, invece, provoca dolore intenso, offuscamento della vista, dolore oculare molto forte, a volte nausea e vomito. Se non si interviene tempestivamente, il glaucoma acuto diventa cronico e può causare abbassamento della vista, fino alla completa cecità.
Nel caso di glaucoma congenito il bambino presenta precocemente i sintomi più evidenti: fotofobia (fastidio alla luce) e lacrimazione.


Le cure
Ci sono tre modalità di intervento per curare il glaucoma:
- Farmacologico: si tratta di una cura a base di farmaci ipotensivi, da assumere a vita, che contribuiscono a diminuire la pressione oculare e a impedire l’atrofia del nervo ottico. Sono farmaci beta-bloccati, spesso anche sotto forma di collirio, che riducono o stabilizzano la pressione oculare. I farmaci sono somministrati soltanto nei casi meno gravi di manifestazione del glaucoma.
- Parachirurgico: è un intervento effettuato con laser oftalmici. Esistono diversi tipi di laserterapia. Il laser ad YAG al neodimio viene utilizzato per praticare iridotomie ed è particolarmente indicato per i glaucomi ad angolo chiuso. Il laser termico è invece più indicato per i glaucomi ad angolo aperto.
- Chirurgico: quando né la terapia farmacologica né quella laser sono efficaci, è necessario intervenire con l’operazione chirurgica. È un intervento (trabeculectomia o viscocanalostomia) che consiste nella ricostruzione artificiale del canale che permette il defluire dell’umore acqueo. Successivamente all’operazione di deve poi procedere con la terapia farmacologica che, se non si presentano complicazioni, può essere sospesa dopo 2-3 anni.

Commenti
Inserito da giovanni golonai, 03/12/2012
ho 56 anni e da tempo ho avuto queste "macchie" nella vista senza infasttidirmi piu di tanto.Da un mese forse per il mottivo che ho passatto tante ore al compiuter queste macchie nere si sono accentuate porvocandomi disturbi nel vedere; Ho notato un effetto "curioso" e incuietante ,al buio girando all`esterno destro dell`occhio , scatta come una luce verticale,come un neon.Un consiglio e un chiarimento prima che il neon si spenga ?'..grazie
Inserito da cristina, 27/03/2012
Ho 43 anni ho una miopia molto elevata corretta in parte con intervento chirugico da due anni ho il glaucoma nonostante sono in cura farmacologica mi si appanna spesso un occhio c'è qualche rimedio per prevenire? Grazie
Inserito da lily simula, 15/04/2011
Ho 65 anni e da due ho scoperto di avere il glaucoma ma non mi hanno detto di che tipo,lo curo cun due goccie al giorno di collirio che mi brucia molto.Ora sono stata da uno specialista che mi suggerisce un intervento col laser e la sostituzione del cristallino eliminandomi così la miopia che ho dai 10 anni in day hospital...o è meglio fare l'intervento chirurgico ?
Inserito da vanna, 15/02/2011
oggi hanno diagnosticato un glaucoma congenito al mkio nipotino di soli 3 mesi. è stato ricoverato d'urgenza in pediatria all'ospedale di Modena. ora in noi c'è grande preoccupazione circa le sorti del bambino. Avrei alcune domande da porre. Se preso in tempo in bimbi così piccoli è possibile intervenire e limitare o annullare i danni che possono sopraggiungere in casi di questo tipo?
Chiedo l'aiuto dei migliori specialisti nel campo, o quantomeno cheido informazione sulle cliniche che operano regolarmente.Sapete dirmi quale sarebbe la terapia d'urgenza che deve essere effettuata in questi casi ?? Ringrazio anticipatamente quanti risponderrano a questa mail con notizie utili.
Inserito da Silvana, 18/03/2010
SONO SILVANA HO 65 ANNI ESONO IN CURA PER PREVENIRE GLAUCOMA HO FATTO IRIDECTOMIA OCCHIO DESTRO E ORA L'OCULISTA MI CONSIGLIA DI FARLO ANCHE X IL SINISTRO,METTO 1 GOCCIA DI COLIRIO OGNI GIORNO X TUTTI E DUE OCCHI E MI PESA XMA QUESTO COOLIRIO DEVO METTERLO X SEMPRE?