Iscriviti alla newsletter di FioriBlu!
Riceverai ogni mese le novità su bellezza, cura del corpo, sesso, maternità e molto altro.

 
Seleziona il tuo sesso:    
Confermo di aver preso visione dell' informativa della privacy
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali
Sei in: Home / Salute / Malattie / Malattie del Sistema Nervoso / Lombosciatalgia

Lombosciatalgia

Lombosciatalgia
La lombosciatalgia è un dolore del nervo sciatico che ha origine nella colonna lombare e che si estende fino ai glutei, gli arti inferiori e parte dei piedi. Si differenzia dalla lombalgia perché in quest’ultima il dolore è localizzato soltanto nella zona lombare e sacrale.







Le cause della lombosciatalgia
La lombosciatalgia è causata dalla compressione del nervo sciatico, dovuta a strappi muscolari a livello paravertebrale, a contratture muscolari, a ernie, a schiacciamento del disco intervertebrale.
Anche problemi o fastidi alla colonna vertebrale possono rappresentare la causa principale della lombosciatalgia: posizioni scorrette e sedentarietà possono essere fonte di anomalie nella postura della colonna vertebrale e favorire l’insorgenza di dolori articolari, vertebrali e muscolari e, di conseguenza, della lombosciatalgia. La lombosciatalgia è un disturbo molto comune, dovuto allo stile di vita adottato quotidianamente (molte ore seduti in ufficio, assenza di attività fisica, posizioni scorrette), tanto che si calcola che circa il 40% della popolazione soffra o abbia sofferto di questo disturbo.


Sintomi della lombosciatalgia
Il primo sintomo della lombosciatalgia è un dolore localizzato nella zona lombare. Se l’infiammazione si estende, il dolore si diffonde anche al nervo sciatico, al gluteo, alla parte posteriore della coscia, fino a raggiungere gli arti inferiori. La lombosciatalgia può essere sia mono che bilaterale (può cioè manifestarsi sia solo da un lato che da entrambi).


Le cure
Per curare la lombosciatalgia è necessario innanzitutto un periodo di riposo, che tenda a rilassare i muscoli e attenuare il peso sulla colonna vertebrale. A questi interventi deve essere correlata una terapia farmacologica a base di antinfiammatori, analgesici e decontratturanti. Può essere inoltre utile una terapia fisioterapica, con lo scopo di ridurre le contratture e atta alla rieducazione posturale della zona lombare e della colonna vertebrale.
Nei casi più gravi e complessi è a volte necessario ricorrere alla chirurgia; in questo caso è indispensabile consultare uno specialista, che darà le indicazioni per la cura più adatta.

Commenti
Inserito da Immacolata, 03/07/2013
Io pratico sport tutti i giorni vado a lavoro in bici, vorrei sapere se questo tipo di sport mi fa bene , io ho un'ernia al disco vertebrale ,cosa posso fare per curare questo disturbo ,? Grazie.

Inserito da sabrina, 30/05/2012
Avendo la lomboscialtagia potro' riprendere a correre come sport come facevo prima? Grazie
Inserito da Anzellotti Doemenico, 28/04/2010
è possibile conoscere un sinonimo di patologia che permette di individuare la lombosciatalgia una entità clinica nosograficamente definita,in quanto la tale patologia è stata considerata (in ambito medico legale) un sintomo di non univoca interpretazione