Sei in: Home / Salute / Malattie / Malattie dell'Apparato Urogenitale / Malattie veneree

Malattie veneree

Malattie veneree
Cosa sono
Le malattie veneree sono malattie infettive sessualmente trasmissibili, tramite lo scambio di liquidi organici (sperma e secrezioni vaginali).

Il contagio può anche avvenire tra una madre e il feto (attraverso la trasmissione di sostanze nutritive) ed è molto diffuso tra tossicodipendenti, a causa dello scambio di siringhe infette. Le malattie a trasmissione sessuale sono causate da batteri, parassiti, funghi.

Molte malattie veneree sono ormai quasi innoque, perché esiste un vaccino già da tempo; altre, invece, come l’AIDS o l’epatite, incutono timore perché ancora incurabili.

Quali sono
Le principali malattie veneree sono:
- AIDS: stato finale di un’infezione provocata da un virus (HIV) che aggredisce il sistema immunitario impedendogli di contrastare gli attacchi esterni. Tra il contagio e la malattia possono passare da 6 mesi a 15 anni. Non esiste ancora una cura, ma lo sviluppo può essere tenuto sotto controllo tramite farmaci (Azidotimidina e Didanosina) che arrestano la moltiplicazione del virus.

- Sifilide: infezione che si sviluppa in tre fasi. Nella prima fase si forma un nodulo elastico, indolore, in una parte qualsiasi del corpo. Nella seconda fase il corpo si ricopre di eruzioni cutanee, i germi entrano nel sangue e nella terza fase invadono gli organi interni. Si cura con la penicillina e può essere mortale se non si interviene entro la terza fase.

- Gonorrea: malattia infettiva che causa prurito e bruciore dell’uretra e secrezioni biancastre. Si cura con antibiotici e la guarigione avviene in un giorno.

- Epatite virale: ci sono diversi tipi di epatite, la più grave delle quali è l’epatite C. È un’infezione che, attraverso il sangue, giunge nel fegato provocando gravi danni. È spesso asintomatica e non c’è ancora una cura definitiva.

- Condilomi: malattia sessualmente trasmissibile causata da un virus che si manifesta con escrescenze di carne dentellate sulle zone genitali e perianali (è chiamata, per questo, anche “creste di gallo”). Si cura chirurgicamente o con il laser.

- Candidosi: causata da un fungo presente normalmente nella vagina, può dare prurito, bruciore, perdite biancastre e dolori durante il rapporto sessuale. Se anche il maschio viene contagiato, può provare prurito al glande. La cura è a base di antimicotici.

- Virus e infezioni come herpes, batteri, molluschi, che causano pustole fastidiose, ma facilmente debellabili.

Come proteggersi dalle malattie a trasmissione sessuale
L’uso del preservativo è il modo più sicuro per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.
È consigliabile inoltre fare periodicamente il test HIV, soprattutto se si hanno rapporti a rischio, perché una diagnosi tempestiva può arginare notevolmente lo sviluppo della malattia.

Commenti