Iscriviti alla newsletter di FioriBlu!
Riceverai ogni mese le novità su bellezza, cura del corpo, sesso, maternità e molto altro.

 
Seleziona il tuo sesso:    
Confermo di aver preso visione dell' informativa della privacy
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali
Sei in: Home / Salute / Malattie / Malattie dell'Apparato Tegumentario / Malattie unghie delle mani

Malattie unghie delle mani

Malattie delle unghie delle mani
Le unghie delle mani hanno bisogno di cure e attenzione, perché sono soggette a molte malattie, che spesso sono un sintomo di patologie più grandi che investono una parte dell’organismo. Ciò si verifica se un sintomo coinvolge contemporaneamente tutte le unghie.

Avere tutte le unghie bianche e con striature orizzontali o scavate al centro, per esempio, è un segnale di anemia.

Le malattie delle unghie delle mani sono molte e diversificate.

L’onicomicosi è l’attacco di funghi e batteri: in questo caso le unghie assumono un colore giallastro o verde, a volte con striature marroni, e sono sfaldate. I problemi circolatori sono invece segnalati dalla presenza di unghie tendenti al blu.

Le unghie fragili possono invece segnalare una carenza di ferro o l’utilizzo di solventi e detersivi troppo aggressivi.
Se l’organismo è affetto da psoriasi o l’alopecia, le unghie si presentano bucherellate (“a ditale”) o rialzate nella parte centrale (“a grotta”).
Le unghie “a vetrino di orologio” segnalano un deficit cardiaco, un problema polmonare o un disturbo a livello di digestione. Le unghie sono molto incurvate (come il vetro di un orologio, appunto) e coprono tutta la parte anteriore dei polpastrelli.

Mentre le malattie appena descritte sono comuni a tutte le unghie, comprese quelle dei piedi, alcune patologie sono caratteristiche soltanto delle unghie delle mani.
Una delle tipiche malattie delle unghie delle mani, in particolare dei pollici, è l’onicodistrofia canicolare mediana. È una malattia per cui non esistono cure, ma spesso si assorbe autonomamente senza provocare grossi disturbi. I sintomi sono la presenza di una fessurazione da cui si diramano ondulazioni oblique.

La patologia più diffusa è sicuramente l’onicofagia. Questa malattia dal nome un pò spaventoso non è altro che il vizio di mangiarsi le unghie. Circa il 5% degli italiani ne soffre, quasi tutti compresi fra i 10 e i 18 anni. Nella maggior parte dei casi è dovuto a cause nervose: stress, ansia, timidezza. Nei bambini più piccoli può manifestare bisogno di attenzione (come nel caso della nascita di un fratellino).

È molto difficile perdere il vizio di mangiarsi le unghie. A volte il vizio sparisce naturalmente con l’età, mentre a volte sono necessari dei provvedimenti. Solitamente viene applicata sulle unghie una soluzione che appare sgradevole di sapore, come lo smalto al peperoncino o l’olio dell’albero del the.

Commenti