Iscriviti alla newsletter di FioriBlu!
Riceverai ogni mese le novità su bellezza, cura del corpo, sesso, maternità e molto altro.

 
Seleziona il tuo sesso:    
Confermo di aver preso visione dell' informativa della privacy
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali

Laringite

Laringite
La laringite è un processo infiammatorio a carico della laringe. Un organo, appartenente all'apparato respiratorio, in comunicazione con la faringe, in alto, e la trachea, in basso. La laringe ha la forma di un tubo al cui interno sporgono le corde vocali. La struttura portante di questo tubo è costituita da muscoli e cartilagine, mentre la superficie interna è rivestita da mucosa. Ed è l’infiammazione di quest’ultima a provocare il quadro della laringite.
L’infiammazione può coinvolgere le corde vocali e quindi portare ad afonia. Ma, al contrario, può essere anche l’abuso delle corde vocali stesse a provocare un’infiammazione che poi può estendersi al resto dell’organo.

Le cause della laringite
Esistono svariati fattori che provocano l’infiammazione della laringe. Questi possono essere suddivisi in tre grandi categorie:
Agenti infettivi virali o batterici
I virus più frequentemente implicati sono gli influenzali e i parainfluenzali. I batteri più spesso isolati sono lo stafilococco aureo, lo streptococco e lo pneumococco. Solitamente l’infezione batterica non colpisce per prima e da sola, ma si sovrappone a un’infezione virale preesistente.
Elementi d’irritazione locale
L’abuso della voce, il fumo di tabacco, il consumo di alcool, il soggiorno in ambienti polverosi, l’inalazione di vapori chimici, il freddo e l’eccesso di umidità.
Elementi di ordine generale
Deficit immunologici o stati di particolare stress possono favorire l’insorgenza delle flogosi laringee acute.

Incubazione, contagiosità e durata della laringite
Le uniche forme di laringite a essere contagiose sono quelle acute dovute a fattori eziologici virali o batterici. Come tutte le malattie da raffreddamento, hanno un’incubazione molto breve, che varia da 1 a 3 giorni, e si trasmettono per via aerea. Una laringite virale semplice, senza sovrainfezione batterica o complicazioni di alcun genere, si risolve spontaneamente in un paio di settimane.

Forme di laringite
Si distinguono tre grandi forme di laringite in base alla durata e il loro decorso: la laringite acuta, la subacuta e la cronica.

La laringite acuta è un processo infiammatorio di breve durata e senza alterazioni morfologiche permanenti. Solitamente è provocata da infezioni virali o, ma con minor frequenza, batteriche.
Se ne distinguono quattro tipi principali:
1. Laringite acuta catarrale. La più frequente. Caratterizzate da un quadro clinico importante con tosse, espettorazione e afonia.
2. Laringite acuta edematosa. Frequente. Si può presentare in diverse forme e tra queste è da ricordare soprattutto l’“acuta ipoglottica”, potenzialmente letale nei primi anni di vita.
3. Laringite suppurativa. Rara. Caratterizzata dalla presenza, oltre dei tipici sintomi locali, anche di una grave compromissione dello stato generale del soggetto.
4. Laringite pseudo-membranosa. Da ricordare in particolar modo la forma difterica, secondaria alla difterite.

La laringite subacuta ha un esordio meno importante ed esplosivo rispetto alla laringite acuta e un decorso, seppur leggermente prolungato, comunque non cronico. Appartengono a questo tipo le laringiti di origine micotica, il cui sviluppo è generalmente dovuto a immunodepressione, utilizzo di cortisonici e antibiotici a largo spettro, abuso di alcol, prolungate intubazioni e diabete.
Il fungo più frequentemente responsabile è la Candida albicans.

La laringite cronica è dovuta a un'interazione di numerosi fattori.
Fattori determinanti come alcuni processi patologici locali, quali rinite e sinusite cronica.
Fattori predisponenti come diversi tipi di patologie (diabete, epatopatie, gotta), cause ambientali (gas o vapori tossici) e abitudini di vita scorrette (tabagismo, alcolismo, abuso della voce).

Sintomi della laringite
Il sintomo principale di tutte le laringiti acute è la disfonia.
A questa possono associarsi:
- difficoltà respiratoria
- dolore alla deglutizione
- rumori inspiratori
- tosse secca
- espettorazione catarrale o purulenta
- emoftoe
Il quadro sintomatologico della laringite subacuta e di quella cronica è molto simile, ma le manifestazioni sono generalmente meno accentuate.

Le cure
Le cure si differenziano a seconda della forma di laringite.
Contro le laringiti acute con una sintomatologia particolarmente importante e un quadro morfologico indice di una forte infiammazione, si usano farmaci cortisonici. Nel caso di infezione o sovrainfezione batterica è indispensabile un ciclo di terapia antibiotica. Ovviamente è sempre utile la rimozione di eventuali stimoli irritanti e l’utilizzo limitato della voce.
Contro le laringiti subacute sono consigliati gli antimicotici.
Infine, la terapia delle forme croniche consiste nel riposo della voce, nella rimozione delle cause di base, e nell’utilizzo di inalazioni sulfuree o salsobromoiodiche.

Commenti