Iscriviti alla newsletter di FioriBlu!
Riceverai ogni mese le novità su bellezza, cura del corpo, sesso, maternità e molto altro.

 
Seleziona il tuo sesso:    
Confermo di aver preso visione dell' informativa della privacy
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali

Onicomicosi

Onicomicosi
L’onicomicosi (o tinea unguium) è un’infezione, causata da funghi, che colpisce la lamina delle unghie. Si manifesta soprattutto in persone anziane (15-30% degli ultrasessantenni).









Le cause dell’onicomicosi
L’onicomicosi è causata da funghi, soprattutto dal Trichophyton Rubrum, dal Trichophyton interdigitale e dall’Epidermophyton Floccosum. In alcuni casi anche alcune muffe e la candida possono essere le cause scatenanti dell’onicomicosi.
Gli atleti sono piuttosto esporti all’onicomicosi ai piedi: le scarpe sono solitamente molto calde e sudate e questo costituisce un ambiente favorevole per la proliferazione del fungo.


Contagiosità dell’onicomicosi
L’onicomicosi è piuttosto contagiosa. La condivisione di docce e spogliatoi comuni, l’acqua delle piscine, l’utilizzo degli stessi asciugamani possono favorire il contagio.
Nei casi più gravi l’onicomicosi si diffonde anche in altre parti del corpo.


Forme di onicomicosi
L’onicomicosi può manifestarsi in diversi modi:
- Onicomicosi subuenguale disto-laterale: l’unghia è opaca, più spessa sul margine e sotto cui si accumulano sedimenti giallastri.
- Onicomicosi totale distrofica: l’infezione interessa l’intera unghia, che si indebolisce e si deforma.
- Onicomicosi subuenguale prossimale: l’infezione, in questo caso, ha origine alla matrice, sotto l’unghia.
- Onicomicosi superficiale bianca: la superficie dell’unghia è biancastra.


Sintomi dell’onicomicosi
Fra i sintomi dell’onicomicosi sono riconoscibili lo sfaldamento dell’unghia, il suo ispessimento e il contemporaneo indebolimento. L’unghia diventa biancastra e può essere rilevata la presenza di detriti giallastri nella parte inferiore. Se l’onicomicosi è in fase avanzata, si possono accusare dolori alle unghie, perché cominciano a deformarsi.


Le cure
La cura dell’onicomicosi prevede l’assunzione di antimicotici, terapia che può anche essere protratta per molto tempo a causa delle possibili recidive.
Se il trattamento farmacologico si rivela inutile, a volte può essere necessario togliere l’unghia, per poi ripetere la terapia.
Se l’onicomicosi colpisce le unghie dei piedi, è inoltre consigliato l’uso di scarpe comode, basse, traspiranti, oltre all’utilizzo delle ciabatte nelle docce pubbliche.

Commenti