Sei in: Home / Salute / Malattie / Malattie dell'Apparato Digerente / Ascesso gengivale

Ascesso gengivale

Ascesso gengivale
Inizialmente il pus si forma vicino all'apice della radice del dente, si estende poi ai tessuti circostanti ed esteriorizza attraverso le parti molli, quali proprio la gengiva.

Le cause dell'ascesso gengivale
L'ascesso gengivale può essere causato da irritazioni dovute al tartaro, da una lesione della parte di gengiva sita tra due denti, da infezioni suppurative o dalla crescita dei denti del giudizio.
Tuttavia, l'ascesso gengivale è frequente anche tra le persone parodontopatiche (soggetti che soffrono di infiammazioni del complesso che forma il dente) e tra le persone che presentano otturazioni e/o capsule mal eseguite.

Sintomi dell'ascesso gengivale
Un forte arrossamento e la tumefazione della gengiva sono i sintomi principali. La presenza di dolore può essere più o meno intensa, a seconda dell'estensione della tumefazione.

Le cure
La prima cosa da fare è evitare di assumere farmaci specifici non prescritti, e di rivolgersi ad un dentista, sarà quest'ultimo a valutare la situazione e a prescrivere la cura migliore per il paziente. Talvolta, nel caso in cui ci fosse la possibilità di scambiare l'ascesso gengivale con l'ascesso dentale, l'odontoiatra ordinerà una radiografia. In generale la terapia prevede il drenaggio della tasca, e in alcuni casi l'assunzione di antibiotici ad azione specifica.
Solitamente l'ascesso gengivale guarisce in tempi abbastanza brevi, ma tende ad essere recidivo qualora non si riesca ad eliminare la tasca gengivale patologica; ciò comporta la distruzione dei tessuti parodontali e la possibile estrazione del dente e/o dei denti coinvolti.
Il dolore può essere leggermente calmato con impacchi di fiori o foglie bollite di malva o con sciacqui di acqua e sale oppure ancora con sciacqui di collutori antisettici

Commenti