Sei in: Home / Mamma e Bimbo / Dalla Gravidanza al Parto / Calendario della Gravidanza / Settimo mese di gravidanza

Settimo mese di gravidanza

Settimo mese di gravidanza
Il 7° mese di gravidanza
(dalla 25a alla 28a settimana)

Come cambia il corpo della madre
Al 7° mese l’aumento di peso della madre è di circa 7-8 kg.
Il seno aumenta di grandezza e di peso (circa mezzo chilo) e le vene intorno ai capezzoli sono più evidenti.
Il segno più vistoso dell’avanzamento della gravidanza è lo stiramento della pelle della pancia che, distendendosi, diventa meno elastica.

Gli esami da fare
Gli esami sono quelli di routine: analisi del sangue e delle urine. Da 7° mese in poi, però, l’analisi delle urine avrà cadenza quindicinale, non più mensile, per accertare il normale proseguimento della gravidanza.

Il feto
Il 7° mese vede una grande espansione del cervello, che a questo punto è completo.
Il feto ha acquisito completamente tutti i riflessi che saranno evidenti alla nascita: afferrare le cose, succhiare, guardare, muoversi.
Inoltre reagisce perfettamente agli stimoli esterni, scalciando o muovendo gli arti. Da questo momento in poi distingue appieno rumori e suoni, tanto che reagisce a diversi tipi di musica con calci o movimenti delle braccia.
Il suo peso, alla 28a settimana, è di circa 1 kg e la sua lunghezza supera i 30 centimetri.

I disturbi della madre
Alcune madri soffrono di bruciori di stomaco e di problemi di digestione. Il motivo è da cercare, oltre che nel notevole aumento di peso, nella posizione che assume la madre: stare molto sedute comprime la pancia, con conseguenti indolenzimenti che sfociano in dolori addominali. Onde evitare questo fastidio, potrebbe essere utile praticare sport leggeri o fare ginnastica, che aiutano a mantenere elastica la pelle e a minimizzare gli inconvenienti.
Frequenti sono il fonfiore alle gambe e la comparsa di capillari.
Parallelamente all’ingrossamento della pancia, aumentano la sensazione di fatica e la sudorazione.

L’alimentazione
Oltre alle normali accortezze alimentari (assunzione di acido folico, cautela nel mangiare cibi crudi non disinfettati), altri provvedimenti possono essere indicati per far fronte ai dolori addominali. Il magnesio, per esempio, può essere utile per curare i bruciori di stomaco. Consultate un medico prima di prendere il magnesio, per accertarvi che non vi siano controindicazioni legate alla gravidanza o sospetti di intolleranza.
Bevete molto, per migliorare il drenaggio e alleviare il gonfiore alle gambe.
In aumento, a partire dal 7° mese, anche l’assunzione di calorie: il feto sta crescendo molto e il fabbisogno calorico aggiuntivo può aumentare fino a 500 kcal. Essendo abbastanza grande, il feto può occupare parte dello stomaco, comprimendolo e diminuendone lo spazio a disposizione per la digestione del cibo; per questo motivo molte donne sentono il bisogno di fare pasti frequenti, ma piccoli.

Commenti
Inserito da annalisaw, 13/03/2013
Sicuramente l'alimentazione merita attenzione: in gravidanza e x tutto il periodo dell'allattamento. Alimentazione varia che non si priva di nessun alimento ma riduce le quantità di alcuni cibi (legumi...). Per la mia esperienza è stato anche molto importante ricorrere all'uso di un reggiseno in un particolare tessuto in fibroina di seta con antimicrobico per risolvere il problema delle ragadi. Inoltre ho evitato l'uso di qualsiasi sapone troppo agressivo per proteggere al massimo la pelle che in questo periodo della nostra vita di donne è molto sensibile.
Inserito da cristina, 26/04/2011
sto per finire il sesto mese di gravidanza il dolore alle stomaco, reflusso, acidità mi stanno distruggendo....tutto ciò tra l' altro rende i miei movimenti molto lenti e difficili tanto da procurarmi anche affanno....il mio ginecologo mi ha consigliato maalox e gaviscon...il gaviscon mi aiuta con i bruciori...ma i dolori questa bruttissima sensazione non mi abbandona...chi mi può aiutare???
Inserito da martone filomena, 07/02/2011
sono quasi all'inizio dell'ottavo mese di gravidanza,volevo sapere nel caso in cui ci fosse qualche bimbo con qualche malattia esantematica in famiglia(primo figlio,quasi 5 anni)in particolare se si tratti della rosolia,come ci si deve comportare? grazie per una celere risposta.